Ancona Judo


Vai ai contenuti

Menu principale:


I gradi e la cintura

Come legare la cintura (obi)

I gradi


Ad ogni praticante viene attribuito un grado che identifica sinteticamente -almeno nelle intenzioni di Jigoro Kano Shihan- il suo livello tecnico e quindi la conoscenza e l'abilità nel waza, la sua condotta etica e morale, così come la capacità di applicare i principi del judo alla vita quotidiana. Jigoro Kano stesso, in un articolo del 1918, indica i criteri per la promozione di dan:


« La promozione ai vari gradi
Esistono casi in cui è prevista la bocciatura alla classe superiore o il rinvio dell'esame, quando vengono rilevate situazioni di noncuranza o inosservanza delle regole fondamentali che ogni allievo è tenuto a conoscere; oppure di fronte alla constatazione di un procedimento scorretto nella modalità di apprendimento. [...] Nell'esame di promozione rientrano naturalmente anche altre considerazioni, quali il livello di comprensione dei principî del judo, l'attitudine comportamentale del candidato, ecc. Ad esempio, di recente abbiamo preso l'iniziativa di inviare ad una scuola superiore un regolamento riguardante gli esami di promozione in cui si precisano i seguenti canoni da tenere in considerazione per le valutazioni:

  • Portamento corporeo;
  • Educazione e rispetto dei riti;
  • Capacità tecnica e fisica;
  • Comportamento individuale operoso o indolente.»

(Jigoro Kano)

La classificazione prevede una divisione tra mudansha, ovvero i non portatori di dan, e gli yudansha, ovvero i portatori di dan. Tale classificazione, ad opera del Prof. Kano, è una evoluzione del sistema tradizionale basato su onorificenze, ancora in uso al Dai Nippon Butoku Kai, che prevede l'assegnazione di titoli onorifici a seconda dell'esperienza del praticante.


« L'introduzione del nostro sistema di graduazione avvenne subito dopo la fondazione del Kodokan nel 1882. Precedentemente le qualifiche variavano da scuola a scuola, ma in genere risultavano suddivise in tre livelli: Mokuroku, Menkyo e Kaiden, con conferimento del rotolo di attestato, che conteneva anche altri dati e raccomandazioni.
Chi riusciva a superare il livello dilettantistico poteva pertanto allinearsi nella qualifica Mokuroku; progredendo ulteriormente e acquistando la competenza didattica, veniva concesso il Menkyo, con l'autorizzazione di insegnare il ju-jutsu della propria scuola; progredendo ancora e con l'acquisizione dell'abilità che si può definire magistrale, finalmente veniva conferito il certificato di Kaiden, contenente la dichiarazione di aver trasmesso al titolare ogni segreto orale e scritto della disciplina.
I gradi erano al massimo cinque, con lunghi intervalli di tempo tra uno e l'altro, cosa che personalmente trovavo controproducente non solo sul piano didattico, ma anche nell'incoraggiare gli allievi.»
(Jigoro Kano)


L'uso delle cinture, quindi, è stato introdotto sostanzialmente dal Prof. Kano col fine di esplicitare il grado effettivo del praticante, ma è da attribuire agli occidentali (e più precisamente, prima ai francesi in accordo col metodo di Mikonosuke Kawaishi e successivamente ai brasiliani con i fratelli Carlos ed Helio Gracie) l'uso sistematico delle cinture colorate per i mudansha.

Tale sistema di graduazione non è standard in tutto il mondo, ma generalmente prevede i seguenti colori per identificare i judoka dal 6º al 1º kyu: bianco, giallo, arancione, verde, blu, e marrone. Al momento è tuttavia in uso in molte associazioni sportive italiane un sistema di graduazione per i mudansha che prevede anche l'attribuizione di "mezze-cinture", vera aberrazione per il judo tradizionale, ma dall'indubbia utilità commerciale. Esistono quindi, tra i vari kyu, le cinture: bianco-gialla, gialla-arancione, arancio-verde, verde-blu e blu-marrone.

Per gli yudansha, invece, esiste uno standard globalmente accettato che è quello del Kodokan di Tokyo, che prevede i seguenti colori: nera dal 1º al 5º dan, bianco-rosso dal 6º all'8º dan, e rosso per il 9º e il 10º dan. Le donne, inoltre, per tradizione, possono indossare la cintura del grado a cui appartengono, con una particolare riga bianca orizzontale.


Kyu

Kyu

Romaji

Colore

6

Rokkyu

Bianco

5

Gokkyu

Giallo

4

Yokkyu

Arancio

3

Sankyu

Verde

2

Nikyu

Blu

1

Ikkyu

Marrone

Dan

Dan

Romaji

Colore

1

Shodan

 

Nero

2

Nidan

3

Sandan

4

Yodan

5

Godan

6

Rokudan

   

Bianco
Rosso

7

Nanadan

8

Hachidan

9

Kudan

 

Rosso

10

Judan

Fonte "Wikipedia"


Torna ai contenuti | Torna al menu